Art beyond imagination by Monica Silva - MONICA SILVA PHOTOGRAPHY
Art and Documentary Photography - Loading Schermata_2022-09-29_alle_13.51.39.png
Events News
Art beyond imagination by Monica Silva
monica silva
Oct 1, 2022
Location: Italy
I am thrilled to announce my newest photography project commissioned by Longari Arte Milano, a historical Italian antique dealer.
 I was asked to re-interpret old master paintings and sculptures in a modern vision, coll and contemporary.
The body of work is made of seven images and they will be on display altogether with the original masterpieces.
The opening will be on November 17, 2022, and will be open until January 31st, 2023 in Milan, Corso Monforte 23.

Please come along and share the joy with us.
ART BEYOND IMAGINATION - MONICA SILVA

Si apre a Milano Art beyond imagination, la mostra di Monica Silva che reinterpreta cinque opere darte antica con cinque foto iper pop in cui (ri)mette le ali a un angelo del 400 e trasforma la Maddalena in uninfluencer annoiata. Scatti fatti per riflettere, ma soprattutto stupire.

Milano, 27 settembre 2022 
Il 17 novembre alla galleria Longari Arte di corso Monforte 23, a Milano, si terrà Art beyond imagination, la mostra rivoluzionaria di Monica Silva che riaccende la luce sul passato reinterpretandolo in chiave 'extra' pop. Con coraggio e humour tropicale.
L’idea di creare un ponte tra arte antica e contemporanea è venuta a Ruggero e Marco Longari, figlio e nipote della famosa antiquaria Nella che negli anni Cinquanta riuscì a far innamorare gli italiani della scultura medievale e rinascimentale: hanno chiesto all’artista brasiliana Monica Silva di usare un po’ del suo realismo magico per attualizzare cinque opere del ‘400, ‘600 e ‘700 dando loro una nuova vita con cinque scatti d’autore.
Nella mostra, infatti, accanto a ogni opera d’arte antica sarà affiancata la rispettiva rivisitazione fotografica con l’obiettivo di annullarne la distanza temporale. Monica Silva integra nella sua ricerca nuovi sviluppi linguistici e tecnologici come ha già fatto in Lux et filum, una delle sue mostre più sorprendenti in cui ha tradotto l’arte di Caravaggio con un’opulenta scenografia barocca che ha generato nella critica stupori incantati. Questo accade, di solito, con le sue foto perché scoprono il lato insolito, misterioso e prodigioso delle persone e delle cose.

Si parte con Angel Gabriels White Light, una scultura lignea senese del 1400 raffigurante un angelo annunziante che nel corso dei secoli ha perso ali, aureola e il giglio che aveva tra le mani. Finendo per essere riconoscibile solo dalla sua postura. Queste "mancanze" sono state lo spunto per ritrovare ciò che aveva perso. Intanto, l’artista lo ha impacchettato in un tessuto dorato citando la Venere e l'Enigma dell’Isodore Ducasse di Man Ray e le legature sbalorditive di Christo. Poi lo ha trasformato in un santino avvolto in led fluo che ha moltiplicato in un trittico fotografico in rosso, verde e blu. I colori che mescolati insieme diventano bianco puro, cioè la “white light”, la luce dell’angelo Gabriele. Infine, la tecnologia digitale, gli ha ridato le ali ricostruendole con tessere in resina che ricordano l'effetto mistico delle vetrate delle chiese e che saranno esposte nella mostra fotografica di novembre. Insomma, la fantasiosa ed energica versione brasiliana che nessun angelo avrebbe mai osato immaginare.
Le altre quattro opere riscrivono la storia e il presente di altrettanti capolavori antichi.

Do androids dream of electric sheep? ha lo stesso titolo del romanzo di Philip K. Dick da cui Ridley Scott ha tratto il film Blade Runner. «Ma gli androidi sognano pecore elettriche?», si è chiesta anche l’artista guardando Lo stampatore, il quadro di un pittore lombardo del Settecento. Ci ha pensato perché sono stati creati robot-artisti, alcuni semplici bracci robotici, altri androidi come Al-DA o Sophia in grado di dipingere addirittura autoritratti. Così, il protagonista dello scatto è uno "stampatore-androide" talmente umanizzato che sta prendendo coscienza di sé. È seduto a un tavolo mentre tiene in mano una macchina fotografica Polaroid da cui sta uscendo una foto che riproduce il quadro antico e, sul piano di lavoro, sono sparse disordinatamente foto identiche. Accanto a lui, in fila, altri androidi e il braccio robotico con cui sono stati realizzati. La Silva fotografa l'attimo di umano stupore dell’androide che, per un istante, fissa lo stampatore e sente un’inattesa e inspiegabile nostalgia per un "essere" che non è più e lo sconcerto per l’"essere" nuovo che sta diventando.

Twilight of Gods reinterpreta una piccola scultura in marmo di Pietro Bernini (il padre del più famoso Gian Lorenzo) del ‘600: San Lorenzo è raffigurato sdraiato sulla graticola, abbandonato ormai al dolore. Monica Silva si sofferma sul concetto d'estasi traslandolo dall'aspetto mistico a quello profano e fotografa un atleta con in mano un drink, sdraiato nell’atto di brindare a un tramonto ormai radioattivo (il crepuscolo degli dei, appunto). Ma è disteso sui bidoni che raccolgono rifiuti chimici anziché su un lettino e invece degli occhiali da sole indossa un visore da metaverso perché la realtà virtuale è inconsciamente assai più consolatoria. Sulla crema solare che afferra c’è scritto: F. ART - NEW FORMULA - PROTECT AND ALIENATE - INSTANT PROTECTION FROM THE REAL WORLD FOR 48 H - 5000+.

A-stoned beauty prende spunto da una frammento scultoreo in marmo della Sibilla di Nicolò di Giovanni Fiorentino del 1470. Monica Silva la ritrae di spalle prestandole il corpo di una giovane donna, appena coperta da un panneggio rosso come fosse la Venere allo specchio di Velazquez o La nude concubine di Ingres. L'elaborata acconciatura ricorda quella della testa in marmo riflessa nello specchio. I testi impilati sul piano rappresentano i Libri sibillini in cui erano trascritte le profezie. Poetessa vergine e profetessa di sciagure, quando viene posseduta da Apollo rivela il futuro: per questo, accanto a lei si scorge un riccio schiuso di castagna, simbolo della sessualità femminile inespressa. Lo scatto mostra una bellezza sensuale vissuta in modo distaccato. E freddamente sprecata.

Modern Prophets trasforma la Maddalena di Barthélémy Chasse di fine ‘600 in un’influencer. Testimone della Resurrezione di Cristo, evangelista, primadonna del cristianesimo e infine peccatrice e mezzo di propaganda contro il proprio sesso: l’iconografia classica la dipinge come una penitente dai lunghi capelli, spesso in atteggiamento estatico, accanto a un teschio (memento mori) e con in mano un libro o uno specchio. Da “rivelatrice" Maddalena diventa oggi un’infelice influencer vittima del suo stesso ruolo/successo, proprio com’è accaduto alla sua antenata. C’è in questa fotografia tutta la ricchezza compositiva di Monica Silva che fa del dettaglio quasi un’ossessione di purismo strutturale. La donna seduta su una poltroncina del '700 accarezza distrattamente piume azzurre e non presta alcuna attenzione agli articoli di lusso sparsi sul set che normalmente “pubblicizza”. È scalza, come da tradizione, anche se da un’influencer ci si aspetterebbe indossasse scarpe super griffate. Morale: nasciamo nudi e col tempo ci carichiamo di sovrastrutture che non sempre rappresentano quello che realmente siamo. Finendo per lasciarci mettere in croce da uno smartphone (inserito proprio in un selfie stick a forma di croce) e da tutto quello che rappresenta.

Ufficio Stampa Ilaria Bellantoni Cell.: +393356542569 Email: ilariabellantoni@icloud.com

Monica Silva Art beyond imagination dal 17 novembre al 31 Gennaio 2023 alla galleria Longari Arte di corso Monforte 23, a Milano.
Angel Gabriels White Light in anteprima all’Amart, la fiera dell’antiquariato che si tiene dal 19 al 23 ottobre al Museo della Permanente in via Filippo Turati 34 a Milano.TELEFONO: +39 02 77 50 447  EMAIL: antiquari@unione.milano.it WEBSITE: https://www.amart-milano.com/ Il progetto di Monica Silva è a cura di Valeria Mazzoleni in collaborazione con il designer Valerio Fausti.


 POWERED BY: BRONCOLOR - HASSELBLAD - MANFROTTO IMAGINE MORE

In collaborazione con: Andrea D’Atti (Frame Foto), Michele Fuhs (Circle4X), Matteo (MatLight),  Gabriele Natale (Moi), Roberto Colleoni & Co, Krystina Reisini (AT-LARGE), Alessandra Spada (Garage Italia), Duilio Carminatti

MONICA SILVA PHOTOGRAPHY

Monica Silva is a brazilian born photographer specialized in psychology portraiture. She is based in Milan, Italy and is available for job assignments anywhere.
Website via Visura

MONICA SILVA PHOTOGRAPHY is integrated to:
Visura site builder, a tool to grow your photography business
Visura's network for visual storytellers and journalists
A photography & film archive by Visura
Photography grants, open calls, and contests
A newsfeed for visual storytellers